COMUNICATO STAMPA – WWF Litorale Romano 26 aprile 2015

Mare libero a Ostia anche per proteggere le aree naturali di Castelporziano e di Capocotta

In questi giorni acceso è il dibattito e importanti sono gli interventi sulle spiagge del Comune di Roma.

Mentre si sta attuando l’apertura e il ripristino dei varchi di accesso all’arenile di Ostia, si parla di accesso e fruizione liberi che potrebbero essere possibili attraverso tutti gli ingressi degli stabilimenti balneari, come avviene a Rimini.

Sottolinea Maria Gabriella Villani, presidente del WWF Litorale Romano: “A nostro avviso è questo l’obiettivo da raggiungere, strategico per diminuire la pressione antropica sulle spiagge libere di Castel Porziano e di Capocotta, quindi per tutelare gli ambienti delle dune costiere che ricordiamo sono aree protette dalle direttive europee per la protezione degli habitat e delle specie migratorie. Roma è l’unica capitale in Europa ad avere un patrimonio naturale di dune, quasi 9 km di costa, a 25 km dal centro urbano. Tale patrimonio va preservato con tutti gli strumenti disponibili.

L’accesso libero all’arenile comunque consentirebbe la possibilità per chi lo desideri di utilizzare pagando tutti i servizi e le comodità presenti nei vari stabilimenti balneari, così come avviene a Rimini. Questa scelta non si può rimandare poichè serve a qualificare veramente il lungomare di Ostia rendendo accessibile e fruibile la spiaggia, e serve a preservare il prezioso ecosistema dunale di Castelporziano e Capocotta.”

Vogliamo sottolineare che l’attuale situazione, caratterizzata da una sostanziale appropriazione del bene demaniale da parte dei concessionari, è frutto di molti decenni di non governo e/o di scarso interesse riservato al tema da parte delle istituzioni e quindi di norme e regolamenti ormai così intrecciati e stratificati per cui si ha la difficoltà, a volte la impossibilità, ad individuare abusi o ad ottenere interpretazioni chiare ed inequivocabili sui diritti e i doveri di tutte le parti coinvolte nella gestione del bene.

Il WWF Litorale Romano ritiene che la problematica debba essere affrontata in due fasi; la prima necessaria a verificare, in modo generalizzato e puntuale, l’avvenuto rispetto dei patti vigenti tra amministrazione e concessionari e, ove individuate difformità, l’immediato obbligo al rientro nei canoni stabiliti, pena il ritiro della concessione.

La successiva fase è suggerita, ma forse meglio sarebbe dire imposta, dalla necessità di rispondere all’accresciuta pressione demografica sul litorale romano (soltanto il X municipio di Roma conta ormai 300.000 abitanti), al mutato scenario economico (necessità di sacrifici e risorse limitate) e, alla ormai scarsa disponibilità di spiagge a fruizione libera e/o alla ragionevole portata economica di gran parte degli “aventi diritto”.

Quindi l’apertura dei varchi, che riteniamo potrebbe anche rappresentare un alibi per il rifiuto dell’accesso a mare da parte dei gestori degli stabilimenti, è da noi considerato semplicemente un segnale dato per dire “la gestione del bene demaniale deve essere cambiata rapidamente e radicalmente”, per il rispetto dei cittadini (fruitori e reali proprietari del bene demaniale), dei loro diritti e delle loro legittime esigenze.

Il vero e grande lavoro da fare ora è quello di convertire l’attuale impalcatura individuando nuove modalità di gestione e fruibilità – non mancano certo gli esempi nella stessa nostra nazione; per fare ciò è necessario che le istituzioni, i concessionari e/o le loro associazioni sindacali, gli operatori economici, ciascuno per le proprie specificità e competenze, inizino un percorso di civili colloqui e verifiche, al fine di proporre un nuovo modello adeguato ai mutati tempi e degno di una delle poche capitali europee che affaccia sul mare.

Per ulteriore Informazioni:

Maria Gabriella Villani,

Presidente WWF Litorale Romano 347 8238652

 

Corso di riconoscimento delle specie della duna costiera

Il corso, programmato per il prossimo mese di maggio – 9. 10 e 16, intende fornire un approfondimento sull’ecosistema della duna costiera con particolare attenzione al riconoscimento delle straordinarie specie vegetali, erbacee ed arbustive, che lo caratterizzano.

Il corso è limitato a 25 partecipanti: per partecipare è necessario iscriversi per tempo telefonando o inviando un sms o un whatsapp al 347 8238652 o oppure tramite posta elettronica a litoraleromano@wwf.it.

Di seguito riportiamo il programma dettagliato, i materiali che saranno consegnati ai partecipanti ed il contributo da versare ad inizio corso. Il contributo sarà interamente destinato all’autofinanziamento dell’associazione WWF Litorale Romano.

Camomilla di mare (Anthemis maritima)

Camomilla di mare (Anthemis maritima)

Programma

CORSO DI RICONOSCIMENTO DELLE SPECIE VEGETALI DELLA DUNA COSTIERA

Il corso sarà tenuto da:
Prof.ssa M. Gabriella Villani, Dr. Fabio Converio.

9 MAGGIO sabato. Appuntamento ore 16.30

Incontro presso il CEA, via del martin pescatore 66, Castel Fusano
(nei pressi del ristorante la Casina del Bosco)

durata: 3 ore

Contenuti: la dinamica dei litorali sabbiosi ed il ruolo della vegetazione.
Descrizione della specie della duna con attenzione agli adattamenti delle piante a questo particolare ambiente.Materiale: presentazione in power point insieme all’esposizione di vario materiale naturale, per facilitare la comprensione, come supporto alle immagini.

Visita alla mostra degli insetti per illustrare lo stretto connubio tra piante della duna e insetti.

10 MAGGIO, domenica. Appuntamento ore 16.30, 3° Cancello Via Litoranea

Visita guidata e laboratorio sul campo, durata: 3 ore circa

Visita guidata alla dune di Castelporziano

Contenuti: riconoscimento delle diverse specie della duna. Laboratorio sul campo.

16 MAGGIO, sabato. Appuntamento ore 16.30

Incontro presso il CEA: durata: 3 ore circa

Presso la sala del CEA

Contenuti: osservazioni e riflessioni sulle attività svolte con riepilogo sui principali concetti. Indicazioni sull’utilizzo dei materiali forniti
Attività pratica per la verifica dei contenuti.

Test conclusivo.
Consegna attestati.

Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione a coloro che avranno preso parte a tutti e tre gli incontri.

Ai partecipanti verranno consegnate tre pubblicazioni a colori, sulla Riserva del Litorale Romano, sulle specie della duna e della macchia, sugli insetti e verranno inviati tramite posta elettronica ulteriori approfondimenti in formato elettronico..

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:

  • 25 Euro, da versarsi ad inizio corso.
  • Per chi è già socio del WWF la quota è di 5 € (con possibilità di donare liberamente di più).
  • Chi si iscrive al WWF (30€) a inizio corso non deve versare nient’altro.
Pubblicato da: wwflitoraleromano | 20 aprile 2015

Salvaguardia delle dune di Passoscuro Palidoro Ordinanza 18 del 1aprile 2015

Lettera aperta

Al Sindaco

Esterino Montino

Agli Assessori

Lavori Pubblici
Angelo Carroccia

Ambiente
Roberto Cini

Pianificazione del territorio
Ezio Di Genesio Pagliuca

Pc alla Stampa

Oggetto: Salvaguardia delle dune di Passoscuro Palidoro, Ordinanza 18, 1/4/2015.

In merito all’ordinanza n. 18 del 1 aprile scorso, con la quale l’Amministrazione Comunale di Fiumicino ordina provvedimenti per interdire l’accesso dei mezzi a motore alla spiaggia di Passoscuro e di verificare la regolarità edilizia e demaniale delle costruzioni realizzate a nord di Via Stintino, il WWF Litorale Romano esprime il proprio vivo apprezzamento per l’iniziativa intrapresa.

Ci congratuliamo per l’attenzione mostrata alla tutela dell’ecosistema dunale presente a Passoscuro e Palidoro espressa come azione immediata di difesa delle dune dal passaggio delle auto. Tale passaggio è altresì vietato anche dalla legge regionale 29 del 1987 che dichiara illegittimo il transito al di fuori della viabilità ordinaria.
Le automobili e in generale i mezzi a motore danneggiano profondamente la vegetazione delle dune costiere e le nidificazioni del fratino e di corriere piccolo, specie oramai rarissime, per il fratino si parla di 5-6 nidificazioni in tutto il Lazio.

Ci piace sottolineare che l’ordinanza affronta l’annoso problema dell’abusivismo edilizio che interessa questo tratto di costa, già oggetto di indagini giudiziarie, e ci auguriamo che al più presto tale situazione venga definitivamente chiarita e risolta anche attraverso auspicabili demolizioni delle opere abusive.

Infine auspichiamo che quest’area possa diventare SIC, sito di interesse comunitario, in quanto protegge habitat costieri di elevato interesse e rappresenta forse l’unica area di tutta la costa laziale con un consistente tratto di duna pioniera. Per questo offriamo la nostra piena collaborazione.

Distinti saluti

Maria Gabriella Villani
Presidente WWF Litorale Romano

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Pubblicato da: wwflitoraleromano | 20 marzo 2015

Earth Hour 28 marzo ore 20.30-21.30

Grazie alla collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Fiumicino,

EART HOUR è stata organizzata a Fiumcino, sul Lungocanale, Via di Torre Clementina, davanti alla chiesa di Santa Maria di Porto della Salute.

SABATO 28 MARZO dalle ore 20.30 alle 21.30.

Presenti gli Assessori Angelo Carroccia, ai Lavori Pubblici, che ha coordinato lo spegnimento delle luci su via di Torre Clementina, Roberto Cini, all’Ambiente, Arcangela Galluzzo, al Bilancio, Ezio Di Genesio Pagliuca, alla Pianificazione territoriale.

OradellaTerra2015
La serata è stata animata dal  sax di Victor e da chitarra e voci di Liliana e Margherita.

 image001

image001

 

Pubblicato da: wwflitoraleromano | 20 marzo 2015

Relazione attività 2014

RELAZIONE ATTIVITA’ WWF LITORALE ROMANO   –   2014

Dune costiere, RISERVA LITORALE ROMANO, presidio territoriale

Elaborazione finale di tre dossier 1)Capocotta e 2) Castelporziano 3) Focene per testimoniare le problematiche ambientali dei tratti di litorale con dune (gennaio-aprile).
Consegna dossier sulle dune di Castelporziano agli assessori Caliendo, Belmonte, Di Salvo. In seguito ci sono stati diversi incontri con l’Ass. al Demanio Caliendo.
Definizione e consegna all’Assessore al Comune di Roma Estella Marino del dossier su Capocotta in aprile.
Definizione e consegna al Sindaco di Fiumicino Esterino Montino del dossier sulla conservazione della duna sul Litorale di Focene a maggio.
Incontri con l’Ass. alla Pianificazione Territoriale Pagliuca e l’Ing. Guidi di Fiumicino per esporre le problematiche relative alla protezione delle dune costiere davanti l’Oasi di Macchiagrande.
Consegna alla Regione Lazio dello studio di incidenza relativo al Progetto esecutivo per la protezione dell’ecosistema dunale a Focene, in Sito di interesse Comunitario, antistante Oasi WWF di Macchiagrande ad agosto.
Incontro in Regione con l’Ass. Fabio Refrigeri per sollecitare la definizione del piano di gestione della Riserva. Incontro lo stesso giorno con Paolo Puntoni Presidente della Commissione di Riserva a dicembre.
Partecipazione ai tavoli di pianificazione territoriale a Ostia, Ostia Antica ed Acilia da giugno a ottobre.
Intervento di protezione con ripristino recinzione e segnaletica sulle dune di Palidoro tratto di fronte Casa Ronald. Accesso agli atti e lettera per manifestazione sulla spiaggia di Castelporziano, in relazione alla situazione di grave inquinamento acustico prodotto nell’ambito della manifestazione Castelporziano Village

Costruzione di un rapporto di collaborazione con gli esponenti politici del Municipio, dei Comune di Roma e di Fiumicino i quali hanno conosciuto i rappresentanti del WWF e l’interesse propositivo dell’Associazione per la tutela dell’Ambiente in particolare delle dune e della Riserva Litorale Romano in generale.

Educazione e informazione diffusa verso i cittadini

  • Organizzazione del cineforum presso il Liceo Enriques di Ostia. Una proiezione si è svolta in collaborazione con Slow Food, con la responsabile locale Rossella Angius.
  • Organizzazione di due appuntamenti presso la Lega navale: uno sulle energie rinnovabili ed il solare a cura di Roberto Faraoni e la Società M e M Energie Rinnovabili il 22 marzo, l’altro sulla dinamica dei Litorali Costieri tenuto dal prof. Piero Bellotti, 4 aprile.
  • Organizzazione di un incontro sulle dune costiere presso la Biblioteca di Ostia 11 aprile, nell’ambito del mese della biblioteca dedicato all’ambiente.
  • Corso di riconoscimento delle specie della duna costiera a maggio anche come iniziativa di raccolta fondi.
  • Partecipazione al convegno organizzato presso la Biblioteca E. Morante di Ostia da Altro Consumo sulla problematica dei rifiuti, presenti gli Ass.i all’Ambiente Estella Marino per il Comune e Marco Belmonte, per il Municipio X.
  • Consegna porta a porta di un volantino per il coinvolgimento attivo dei soci a cui ha fatto seguito una serie di attività tra le quali una riunione generale presso la Lega Navale svolta il 26 ottobre.
  • Campagna di sensibilizzazione per la raccolta dell’Olio Vegetale di cucina presso le isole Ecologiche dell’Ama ed alcune scuola del territorio, attraverso la predisposizione di un volantino da affiggere nei condomini.
  • Evento di osservazione del cielo stellato presso la lega navale di Ostia in collaborazione con l’Ass. di Astrofili del Pellegrino e alcuni amici astrofili il 26
  • Passeggiata di notte in ascolto dei canti degli uccelli notturni nella Pineta di Castel Fusano per coinvolgere i ragazzi del Liceo Enriques
  • Attività di pulizia della pineta di Castel Fusano, 9 novembre.

 Allargamento della base sociale del WWF, partecipazione ad eventi nazionali e regionali

– Mailing e facebook per sollecitare l’iscrizione

– Gestione del sito e di facebook con gli aggiornamenti sulle varie attività.

– Earth Hour presso la Lega Navale di Ostia in collaborazione con l’Ass. di Astrofili del Pellegrino.

– Partecipazione all’evento Globale sul clima a Roma il 21 settembre

– Tavolo in piazza il 22 dic. al mercatino del biologico ad Ostia per informare sulla campagna Crimini di Natura e 23 dic. presso Natura Si di Ostia.

Pubblicato da: wwflitoraleromano | 20 marzo 2015

Bilancio WWF Litorale Romano 2014

Associazione WWF Litorale Romano Onlus

Via Ferdinando Acton 5, 00122 Roma

CF: 97545270585

Bilancio al 31.12.2014

Gli importi sono espressi in euro

Stato Patrimoniale

Attivo Passivo
Cassa 500,4 Capitale proprio per quote soci 258
Avanzo di gestione 2013 420,09
Avanzo di gestione 2014 500,40
Totale attivo 500,4 Totale passivo

 

Rendiconto della gestione

Oneri Proventi
Assicurazioni 302 Liberalità 541
Oneri di gestione 273,39
Totale oneri Totale proventi e liberalità 541
Avanzo di gestione
Totale a pareggio Totale a pareggio

 

Cassa

Saldo iniziale 534,79
Incrementi 541
Decrementi 575,39
Saldo 500,40

La somma di euro 302,00 si riferisce al costo dell’assicurazione obbligatoria sottoscritta dall’Associazione. Le liberalità di euro 541 sono state raccolte tra i soci e per un corso di riconoscimento della duna costiera.

Il Rappresentante Legale

 Maria Gabriella Villani

Il 14 marzo si è tenuto presso la Lega Navale di Ostia l’incontro su Consumo sostenibile.

Di seguito potete leggere le presentazioni delle relatrici:

interventowwf  Rossella Angius Slowfood, condotta locale

Presentazione di Silvia Castronovi Altroconsumo

Incontro 14 marzo 2015 lega navale

CONSUMO SOSTENIBILE

Economia locale, lotta agli sprechi,

responsabilità del consumatore

SABATO 14 MARZO

Lega Navale di Ostia Lungomare Caio Duilio 38

Ore 17.00

Interverranno:

Silvia Castronovi, Altroconsumo

Rossella Angius, Slow Food, condotta locale

Introduce

M. Gabriella Villani, WWF Litorale Romano

Grazie alla presenza di Silvia Castronovi di Altroconsumo, associazione di consumatori da 40 anni impegnata per difendere gli interessi e i diritti fondamentali dei cittadini, e di Rossella Angius di Slowfood, associazione internazionale impegnata a ridare valore al cibo, nel rispetto di chi lo produce in armonia con l’ambiente e gli ecosistemi, affronteremo un tema importante: il consumo sostenibile e responsabile.

La nostra società è anche definita società dei consumi. Per orientare e condizionare i consumi di ciascuno di noi vengono messe in atto strategie specifiche attraverso tutti i canali di comunicazione possibili, si tratta di comunicazioni palesi e nascoste. Troppo spesso il cittadino consumatore si lascia condizionare senza fermarsi a riflettere e a valutare. Si ritiene che l’incremento dei consumi sia essenziale per la nostra società in quanto favorisce l’occupazione, quindi il benessere della comunità. Ogni giorno però intorno a noi sentiamo e vediamo le conseguenze nefaste che derivano da un certo tipo di consumo: la produzione di enormi quantità di rifiuti, il consumo del territorio che sottrae terreni all’agricoltura, la produzione di energia da fonti fossili che immette in atmosfera quantità immense di anidride carbonica, generando l’effetto serra, l’inquinamento di fiumi, laghi, mari ed oceani da rifiuti industriali, ecc.
Durante l’incontro cercheremo di capire meglio come stanno le cose e soprattutto capire in che modo ciascuno di noi in prima persona può intervenire per contrastare il crescente degrado ambientale.

Ringraziamo la Lega Navale di Ostia che ospita l’iniziativa.

Info: 347 8238652 Gabriella

Sito:

Email: litoraleromano http://www.facebook.com/wwflitoraleromano

Pubblicato da: wwflitoraleromano | 5 marzo 2015

Consumo sostenibile e responsabile

CONSUMO SOSTENIBILE

 Economia locale, lotta agli sprechi,

responsabilità del consumatore

 

SABATO 14 MARZO Ore 17.00

Lega Navale di Ostia

Lungomare Caio Duilio 38

Consumo sostenibile 

Interverranno:

 Dr.ssa Silvia Castronovi, Altroconsumo

Dr.ssa Rossella Angius, SLOWFOOD

 Introduce

M. Gabriella Villani, presidente WWF Litorale Romano

Pubblicato da: wwflitoraleromano | 25 febbraio 2015

Lunedì 2 marzo China Blue, Cineforum Ambiente presso il Liceo Enriques di Ostia

Lunedì 2 marzo ultimo appuntamento del WWF Litorale Romano presso il Liceo Enriques con il film China Blue di Micha X. Peled.

Si tratterà il problema dell’incredibile sfruttamento dei lavoratori nelle fabbriche della Cina.

Agli alunni delle scuole superiori verrà rilasciato un attestato che potrà essere valutato ai fini del credito formativo.

CINEFORUM AMBIENTE

presso l’Aula Magna Liceo Enriques

Via Paolini 191 Ostia

ore 17.00-19.00

2 marzo

China blue di Micha X. Peled

Cineforum Enriques Film China Blue, Liceo Enriques

Il film è stato girato clandestinamente. China blue ci porta all’interno di una fabbrica di blue -jeans in Cina, dove due ragazze adolescenti, Jasmine e Orchid, stanno cercando di sopravvivere al duro ambiente di lavoro. Le loro vite si incrociano con quelle di Mr Lam il proprietario della fabbrica. Offrendoci il punto di vista sia al vertice e sia alla base della gerarchia della fabbrica, questo film ci fa comprendere la questione complessa della globalizzazione, fornendoci anche un rapporto aggiornato e preoccupante delle pressioni economiche esercitate dalle società occidentali e delle loro conseguenze sugli esseri umani.

Durata 86 minuti, Usa 2005

Durata 1 ora e 30 minuti

Per informazioni: Federico IV F 346 1281509 Linda IV A L

litoraleromano

Older Posts »

Categorie

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 30 follower